mercoledì 25 settembre 2013

Pannolini lavabili - cosa sono

Pannolino lavabile

Da buona utilizzatrice di pannolini lavabili, al secondo figlio, mi devo concedere di scrivere un post (almeno uno, ma voglio farne altri con recensioni ed esperienze personali) di spiegazione di questi "oggetti" alcuni opere d'arte, che molti ancora non conoscono.
Per chi non li conosce, sono dei pannolini per i bambini da usare al posto degli usa e getta (u&g) , si buttano in lavatrice e si riutilizzano all'infinito ed oltre :-)
Ce ne sono di vari modelli il più "antico" è il ciripà, un trinagolo di cotone da legare intorno al bambino con una mutandina impermeabile sopra; gli altri modelli sono:

POCKET: pannolino con parte esterna impermeabile, con una tasca nella quale vanno inseriti gli inserti che servono per dare assorbenza in tessuto tecnico o naturale. Possono essere riempiti più o meno a seconda delle necessità.

AIO: All in one (tutto in uno) ha una parte esterna impermeabile e una parte a contatto in cotone o tessuto tecnico, gli inserti sono cuciti al pannolino.

AI2: pannolino in 2 pezzi staccabili, di solito attaccati tramite bottoni. una parte guscio impermeabile e una parte assorbente in materiale naturale o tecnico.

FITTED: pannolino sagomato in cotone o spugna di bambù che necessita di mutanda impermeabile da mettere sopra.

PREFOILDS: rettangolo di cotone da piegare ed inserire in mutande imperbeabili.
I pannolini lavabili possono essere in materiali naturali (cotone, bambù e canapa) o tecnici (minkie, pile, suede, micropile ecc) e se ne trovano di ogni genere, alcuni con fantasie davvero bellissime, con la topolina ero andata sul semplice, naturale ed economico, con la nascita del cinghiale ho riutilizzato quelli messi via accuratamente che erano di sua sorella, ma mi sono concessa l'acquisto di qualche "gioiellino" come quello nella foto del piccolo principe by Creazioni by Elisabetta Rappoccio. Una WHAM (Work At Home Mums), ho conosciuto molte WHAM che producono pannolini e fasce portabebè alcune con una qualità ottima, nulla da invidiare ai prodotti industriali.

Ma mi direte, e che fatica lavare tutto??? e che schifo!!!
Ma no, a lavare ci pensa la lavatrice io faccio una lavatrice di pannolini e biancheria ogni 2 giorni circa, e poi stesi al sole, sono una delizia da guardare :-) 

pannolini lavabiliE per la cacca? qui si aprirebbe una grossa parentesi, a farla breve, finché la cacca era liquida dei primi mesi mettevo un velino biodegradabile usa getta, così si prende quello e si butta nel water, e il pannolino si sciacqua sotto l'acqua fredda. Dopo i 6-7 mesi il cinghialetto ha iniziato a fare la cacca nel vasino, non sempre ovviamente, quando il pannolino è sporco il grosso lo tolgo con l'aiuto della carta igienica e il pannolino lo sciacquo sotto l'acqua fredda, poi lavatrice.
Tra una lavatrice e l'altra i pannolini li tengo in un secchio chiuso in bagno a secco, ma possono essere anche tenuti in acqua fredda con aggiunta di poco bicarbonato, no oli essenziali che rovinato il pul.
Ora con l'inizio dell'asilo nido  li sto usando anche li, le maestre sono contente ( in realtà non ha ancora fatto cacca all'asilo :-D ) e stamattina che ho portato degli u&g mi hanno chiesto come mai non ho portato i pannolini belli  ;-P

E quando si spannolina???, i pannolini possono essere conservati per futuri figli, donati a pannolinoteche (tipo biblioteche dei pannolini), scambiati/regalati/donati in mercatini dei pannolini (su Fb ce ne sono molti), quindi il pannolino lavabile ha sempre un valore anche quando a noi non serve più.

qui ci sono i miei post sui pannolini lavabili e la mia esperienza.

8 commenti:

  1. Bello! Peccato avere solo figli grandi, ormai! Ho consumato montagne di pannolini!

    RispondiElimina
  2. grazie del commento chiara pesenti . E' il primo commento del mio blog :-)

    RispondiElimina
  3. Complimenti per il bellissimo articolo molto semplice da comprendere e vero....da mamma! E grazie di cuore perla citazione ;-)

    RispondiElimina
  4. Da futura maestra che cambierà tonnellate e tonnellate di pannolini, preferirei di gran lunga che me li portassero con dei pannolini del genere! Miliardi di sacchi di spazzatura in meno e un po' di gioia per gli occhi :)

    RispondiElimina
  5. Anche noi abbiamo usato i pannolini lavabili, gli AIO, precisamente... ci siamo trovati benissimo fin da subito, il nido ce li ha accettati senza problemi, nessun rifiuto e praticissimi anche nella pulizia (che temevo fosse più ostica, invece mai pretrattrato nulla). La nostra cucciola si è spannolinata a 21 mesi e ora sono in un bello scatolone, in attesa di essere utilizzati ancora o donati!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho riutilizzato i pannolini della prima figlia dopo 4 anni :-) , e adesso ho in mente Il progetto di pannolinoteca . Sto raccimolando pannolini.

      Elimina
  6. Dionisia '772 maggio 2014 02:18

    Anch'io ho optato pe i pannolini lavabili versione pocket,risparmi un sacco ,crea meno irritazioni e non devi stare a sbattere ogni volta in qualche centro commerciale a trovare le occasioni,purtroppo la gente non riesce a pensare in modo alternativo,peccato perchè si inquinerebbe anche meno..baci a tutte le future mamme come me,io lo diventerò ad Agosto

    RispondiElimina
  7. Articolo molto semplice e chiaro...ho una bimba di 13 mesi ed in tutta onestà all'inizio non me la sono proprio sentita di scegliere i pannolini lavabili perchè temevo che sarei stata sommersa da una mole ingestibile di lavoro in più!
    Ci sto facendo un pensiero ora, meglio tardi che mai!!

    RispondiElimina

Le tue impressioni e commenti sono importanti per me, lascia segno del tuo passaggio. :-)

ShareThis