martedì 1 aprile 2014

Asciugatura pannolini lavabili



Nunzia Scognamiglio, la mia compagna di avventure nel progetto Pannolinoteca ha scritto questo articolo sulla nostra pagina FB, ve lo ripropongo, sono informazioni utilissime su come gestore i pannolini lavabili in giornate uggiose:

Piove! La pioggia rende sicuramente più difficoltosa l'asciugatura dei pannolini, momento critico per eccellenza! Ma le mamme e i papà pannolinari non si lasciano certo scoraggiare per questo! Ecco alcuni suggerimenti per vivere più easy l'asciugatura dei vostri PL: 
 
1) PARCO PANNOLINI VARIO! Questo non significa possedere molti pannolini, ma averne di diverse tipologie e materiali, che si adattino alle diverse situazioni: i materiali sintetici asciugano più velocemente, anche se hanno il difetto di assorbire meno; ciripà e muslin sono più macchinosi al momento del cambio, ma hanno tempi rapidissimi di asciugatura e una grossa tenuta. La giusta combinazione dei materiali vi aiuterà a utilizzare il minor numero di pannolini ed avere cambi sempre pronti!Inoltre, la rapidità di asciugatura può cambiare da marca a marca. 

2)LA CENTRIFUGA GIUSTA! Anche impostare nella maniera giusta la centrifuga della lavatrice aiuta a velocizzare i tempi di asciugatura: inserti assorbenti di qualsiasi materiale sopportano velocità anche alte di centrifuga, mentre è importante ricordare che il PUL (il materiale impermeabile di mutandine e gusci esterni) non deve essere centrifugato a più di 600 giri. La capacità di estrazione dell'umidità di un capo dipende anche dal tipo di lavatrice. 

3)TANTI INSERTI INTERCAMBIABILI Se, come detto sopra, non è necessario possedere un parco pannolini sterminato, può essere, invece, utile procurarsi un numero sostanzioso di inserti, che si prestino a diverse tipologie di pannolini: prefolds che possono essere usati da soli nelle cover, nei pocket, ma anche sui gusci degli AI2; inserti di microfibra o spugna di bambù, ma anche rettangoli di flanella cuciti in casa, da aggiungere secondo necessità all'assetto preferito! 

4)TENIAMOLI AL CALDO! Stufe, caminetti, caloriferi sono ottimi surrogati del sole e dell'asciugatrice, ma, attenzione al PUL!Questo materiale, infatti, è sensibile alle alte temperature e va tenuto accuratamente lontano dalle fonti di calore!Nel caso degli AIO, tenete separati il più possibile, con una molletta, il PUL dallo strato assorbente, in modo da velocizzare la perdita di umidità. 

5)BRRR CHE UMIDO!

 E nei casi di grande umidità?Stendete in un locale areato, lasciando la finestra socchiusa, oppure usate un deumidificatore. Un altro trucchetto è posizionare un normale ventilatore davanti allo stendino, tenendo la finestra leggermente aperta: questo aiuterà la dispersione di umidità. 

BUONA PRIMAVERA A TUTTI!

Grazie Nunzia per i tuoi preziosi consigli sui pannolini lavabili, a presto. 

4 commenti:

  1. Ma come faccio a centrifugare a 600 il pul e a 1200 gli inserti: devo tirare fuori tutto e dividerlo prima della centrifuga? :-/ aiiuuuto!

    RispondiElimina
  2. Bianca, io personalmente lavo tutto insieme e faccio la centrifuga a 500- 600 e quando proprio piove e devo lavare lo stesso a 800. :-) non sto a differenziare cover e pannolini. grazie di essere passata.

    RispondiElimina
  3. Eco questo è il nodo cruciale... in una zona umida e piovosa come il Friuli centrale!!!

    RispondiElimina
  4. Se non si abita al mare purtroppo i pocket sono quasi una scelta obbligata. Anzi, per vedere la pozzanghera mezza piena: per fortuna che per noi che abitiamo in zone piovose esistono i pocket!

    RispondiElimina

Le tue impressioni e commenti sono importanti per me, lascia segno del tuo passaggio. :-)

ShareThis